Gennaio 2018

Parete attrezzata TV in legno

Ti è mai capitato di osservare il tuo soggiorno e pensare:

“Come sarebbe bello se tutto fosse più ordinato, se non avessi miliardi di cavi e fili in giro, se avessi un mobile contenitore per metterci libri e oggetti che ripongo ovunque in modo disordinato perché non ho uno spazio apposito da usare, se avessi un supporto adatto per la TV che ho pagato così tanto e che ho posizionato su un mobiletto che non le rende giustizia (e che, secondo me, prima o poi crollerà).” ?

Se hai avuto anche solo uno di questi desideri, fai parte del 90% della popolazione, la quale non è soddisfatta dell’organizzazione della propria zona giorno.

Non potrebbe essere altrimenti: il salotto è la parte della casa che utilizziamo di più, e quella che subisce aggiornamenti con maggiore frequenza rispetto agli altri ambienti della casa: la tv nuova, la consolle di videogame per i figli, la statuetta antica che hai trovato al mercatino, i libri che la tua compagna/compagno ha acquistato qualche mese fa etc etc.

Il soggiorno ha esigenze costanti, esattamente come te. Il problema è che mentre i bisogni aumentano, lo spazio disponibile resta sempre lo stesso. E si crea un problema di organizzazione e conseguente CONGESTIONE dell’ambiente, che da zona “relax” si trasforma in “magazzino acchiappa tutto” senza che nemmeno te ne accorgi.

Questo è esattamente il problema che ci ha posto un cliente alcuni mesi fa, venendo da noi presso lo studio 02A.

 

La soluzione che abbiamo studiato per lui ha un nome e cognome, e si chiama PARETE ATTREZZATA.

La parete attrezzata è un modulo estremamente versatile che consente di risolvere diversi problemi tra quelli elencati sopra: supporto tv, mobile contenitore, totale scomparsa di ogni tipo di cavo di alimentazione per tv, decoder, consolle e quant’altro.

 

 

La struttura è stata realizzata interamente in legno verniciato di bianco e si compone di 3 elementi principali:

  • il mobile base, di 50 cm di altezza, che presenta 3 vani con sportelli di materiale differente dalla struttura che invece è bianca.

 

        

 

  • il modulo della parete attrezzata sul quale viene installata la tv. La contro parete è avanzata rispetto al muro al fine di nascondere completamente i cavi al suo interno ed è resa ispezionabile dal lato dx, mentre il lato che è visibile dalla zona giorno e zona pranzo ospita delle piccole mensole sulle quali riporre libri, dvd, cd e quant’altro.

 

       

 

  • la mensola, che è posta a chiusura del sistema (anch’essa in legno) che riprende le misure del mobile alla base.

 

    

 

Chiaramente tutto il sistema è frutto di una progettazione e realizzazione INTERAMENTE PERSONALIZZATA, in modo da adattarsi perfettamente non solo alla parete sulla quale è stato installato, ma anche a tutto l’ambiente circostante, che grazie alla parete attrezzata gode di nuova armonia estetica (aumentando, di conseguenza, il valore stesso dell’ambiente).

Inoltre, dettaglio non trascurabile, il risultato finale rispecchia fedelmente la soluzione progettuale proposta al cliente prima di avviare i lavori, la quale era stata presentata attraverso elaborati tecnici molto dettagliati e render foto-realistici che consentissero al committente, di fatto, di “VEDERE” la parete installata nel suo salone ancora prima che ciò avvenisse nella realtà.

 

   

Clicca QUI per vedere il progetto completo della casa in cui abbiamo realizzato la parete attrezzata.

 

Arch. Thomas Grossi

0
0

Ottimizzare gli spazi aumenta il valore di casa!

Ristrutturare un intero appartamento, o soltanto alcuni specifici ambienti, è un’attività estremamente variegata poiché estremamente variegate sono le necessità che ti fanno dire “È il momento di cambiare”.

Nel nostro lavoro ci capita di fronteggiare le più disparate esigenze dei clienti con cui collaboriamo: dal miglioramento dell’estetica generale della casa alla sostituzione degli impianti, dal rinnovamento dell’ambiente cucina, bagno, etc alla vera e propria creazione di ambienti e stanze che prima non esistevano.

I bisogni principali di chiunque decida di ristrutturare casa, infatti, hanno un unico denominatore in comune: ottimizzare gli spazi.

Il 90% dei nostri lavori parte da questa esatta esigenza.

Tuttavia avere “più spazio”, di per sé, non vuol dire assolutamente nulla. Anni di lavoro in 02A ci hanno insegnato infatti qualcosa di estremamente importante: nessuno vuole “più spazio” così. Tanto per averlo.

Quello che realmente desideri, di cui hai bisogno e che invidi fortemente quando lo trovi nelle case degli altri, è più precisamente SPAZIO OTTIMIZZATO.

Mi spiego meglio: ogni casa ha una fisionomia ben precisa, con le sue suddivisioni tra zona giorno e zona notte, gli spazi serventi come i corridoi e i disimpegni, le stanze funzionali come la cucina il bagno, eccetera eccetera. Tutte con le loro dimensioni e le loro caratteristiche.

Il problema è che in molti casi, a un certo punto della tua vita, senza nemmeno rendertene conto percepisci che quella stessa casa, con la sua fisionomia, ti sta “stretta”. Che non utilizzi a dovere gli spazi a tua disposizione, che avresti bisogno di una stanza in più, di un bagno in più oppure, perché no, di un ambiente specifico più piccolo di quello che è.

Ecco perché, dopo tutte le tue riflessioni, la soluzione migliore è rivolgerti a un Architetto. Noi, per esempio, siamo ben consapevoli che quando un cliente ha esigenze di spazio da ottimizzare non ci limiteremo a creare il tanto “sognato” secondo bagno o la cameretta per il bambino, ma studieremo le soluzioni migliori per fare in modo che sia TUTTA la casa ad avere una sua armonia, con il giusto equilibrio fra la zona giorno e notte, che gli spazi inutilizzati siano ridotti al minimo, che non ci sia un solo ambiente dalle dimensioni sproporzionate rispetto all’appartamento nella sua interezza, e quant’altro.

Per dimostrarti quanto queste considerazioni siano fondamentali ai fini della tua soddisfazione, voglio mostrarti un nostro intervento recente a Roma. Scoprirai che una buona progettazione può fare la differenza tra un risultato perfetto e uno assolutamente deludente.

ANTE OPERAM

Prima del nostro intervento l’appartamento si presentava con la classica disposizione dell’edilizia economica e popolare degli anni ’30: corridoio lungo il muro di spina centrale, camere a destra e a sinistra e bagno in fondo.

Lo spazio distributivo tra ingresso e corridoio era di circa 8,5 mq, la cui unica “utilità” era quella di spostarsi da un ambiente all’altro. Inoltre, come puoi vedere  le camere erano esageratamente ampie e sproporzionate rispetto al resto della casa.

 

 

COSA DOVEVAMO FARE

Quello che fu subito chiaro è che l’appartamento andava RIPENSATO in chiave moderna. Attraverso alcune chiacchierate con il committente ci eravamo infatti resi conto che le sue esigenze non erano semplicemente quelle di avere più spazio, ma di avere uno spazio migliore per vivere. A quel punto, insieme al mio socio Thomas, abbiamo realizzato un progetto che non fosse soltanto un miglioramento della distribuzione degli ambienti, ma che consegnasse al cliente una casa da sfruttare fino all’ultimo centimetro, nella quale muoversi agevolmente grazie ad ambienti proporzionati e funzionali, perfetti sia per la vita di tutti i giorni – con la sua famiglia – che per piacevoli serate conviviali in compagnia di amici o parenti.

 

POST OPERAM

Attraverso un generoso intervento di demolizione abbiamo reso più netta la divisone tra zona giorno e zona notte, rendendo lo spazio distributivo più piccolo e funzionale, in grado di servire 4 ambienti in soli 3,50 mq. Le camere da letto , in linea con gli standard di vita odierni, sono state ridotte e rese incredibilmente più vivibili. Ma il vero fiore all’occhiello è la zona giorno: più ampia, luminosa e caratterizzante, impreziosita da una bellissima connessione con la cucina che, pur rimanendo nella posizione originaria, ora è divisa dal soggiorno grazie a una raffinata parete a vetri.

 

 

PER CONCLUDERE

Come in molte altre occasioni, ricorrere all’opera di un professionista come un architetto quando decidi di ristrutturare casa presenta innumerevoli vantaggi, alcuni dei quali probabilmente insperati. Oltre ad avere un risultato di grande qualità a livello di comfort, infatti, quello che ottieni è un vero e proprio vantaggio economico: una casa più bella, più luminosa e meglio organizzata è una casa che vale molto di più. Sempre.

 

Arch. Marco Rulli

0
0